Solo le navi che trasportano grano possono lasciare l’Ucraina, le altre – 82 con 418 marittimi – restano bloccate nei porti

Tempo di lettura: < 1 minuto

Kiev – Sono ancora  82 le navi con a bordo 418 marittimi bloccate nei porti ucraini nonostante l’apertura del corridoio marittimo per il trasporto di grano.

L’accordo di luglio per creare una rotta marittima libera riguardava infatti solo  le portarinfuse in tre porti ucraini per il trasporto di grano. Ma decine di altre navi, comprese le petroliere, non hanno accesso al “corridoio” e sono in attesa di approvazione per partire.

Secondo un’analisi dell’International Chamber of Shipping (ICS), sei navi sono riuscite a lasciare l’Ucraina prima che il corridoio fosse annunciato a luglio.

All’inizio del conflitto, alla fine di febbraio, circa 2.000 marittimi provenienti da tutto il mondo erano bloccati su 94 navi nei porti ucraini.

Il presidente dell’ICS Emanuele Grimaldi ha annunciato nel corso di una conferenza che l’ICS (che rappresenta oltre l’80% della flotta mercantile mondiale) ha discusso con  l’Organizzazione marittima internazionale dell’Onu per accelerare le pratiche.

Condividi :

Altri Articoli :

Iscriviti alla nostra newsletter