La Regione Toscana e il Comune di Carrara sul progetto Falk di un Parco da cento pale al largo dell’Isola del Tino

Tempo di lettura: 2 minuti

CARRARA – “Un centinaio di pale offshore a 15 miglia dalla costa tirrenica. Sul parco eolico che dovrebbe sorgere al largo dell’isola del Tino – ha scritto Cristina Lorenzi su La Nazione di Massa Carrara – si avvicendano incontri ma manca una regia che faccia procedere il progetto”.

Che spiega che è la famiglia Falk, colosso dell’acciaio, ad attendere un incontro con la Regione Toscana su un progetto che promette di proiettare nel futuro tutta l’area compresa tra l’estremo Levante ligure e l’alta Toscana.

Si ricorda anche che il presidente della Toscana Eugenio Giani, alle prese da mesi nel braccio di ferro con Piombino per la nave rigassificatrice – aveva già “benedetto il progetto come la chiave di volta dell’emergenza energetica” trattandosi di un parco eolico che – si sottolinea – comporterebbe l’autosufficienza energetica per la provincia di Massa Carrara in quanto “le cento pale eoliche sarebbero sufficienti per il fabbisogno non solo delle aziende, ma anche dei servizi civili.

“Vorrei incontrarmi con la famiglia Falk – ha dichiarato il sindaco di Carrara Serena Arrighi – per capire se un disegno di tale portata abbia un senso nel nostro territorio, per verificare l’investimento e per valutare i pro e i contro di una soluzione che si presenta come rivoluzionaria”.

Le cento pale d’acciaio del parco eolico – in base al progetto – sarebbero ancorate su un’isola flottante fissata a corpi morti, che per evitare dispersione di Co2 saranno realizzate e assemblate dalle ditte locali.

In base alla mappatura del vento nella zona a sud dell’isola del Tino una sola pala sarà in grado di produrre 15 megawatt di energia elettrica.

La società che gestirà il progetto dovrà essere una società mista pubblico-privata, costituita per il 30% dalla Regione e per il 70 da privati. I fondi per la realizzazione dell’immane progetto potranno essere arrivare dal Pnrr e comunque la società sarà aperta all’azionariato.

Condividi :

Altri Articoli :

Iscriviti alla nostra newsletter