Dodici navi di grano sono in navigazione nel Mar Nero, protette da Turchia e Onu, nonostante il ritiro della Russia dall’accordo

Tempo di lettura: < 1 minuto

Mar Nero – Nonostante la Russia si sia ritirata, come è noto per rappresaglia contro gli attacchi alla sua flotta a Sebastopoli, dall’accordo, dodici navi per l’esportazione di grano sono partite  dall’Ucraina.

Questo grazie alla copertura di Turchia e Onu che invece continuano a dare sostanza a quell’accordo.

Il ritiro della Russia ha però provocato l’aumento consistente del prezzo del grano sui mercati internazionali.

Si registra infine, mentre i missili russi continuano a colpire diverse località dell’Ucraina, l’intervento del ministro degli Esteri cinese Wang Yi  per chiedere che tutte le parti dovrebbero esercitare moderazione e intensificare gli sforzi diplomatici per evitare che la situazione si aggravi ulteriormente.

Condividi :

Altri Articoli :

Iscriviti alla nostra newsletter